Lifting della fronte e sollevamento delle sopracciglia

Principio dell’intervento

A seconda della predisposizione individuale e sempre più man mano che si invecchia, nella parte superiore del viso possono manifestarsi i seguenti fastidiosi cambiamenti: marcate rughe orizzontali sulla fronte, abbassamento delle sopracciglia con aumento delle rughe sulle palpebre superiori, profondi solchi glabellari e rughe di espressione intorno agli occhi nella regione temporale (zampe di gallina). Ai primi segnali di cambiamento può essere indicato il solo trattamento con il Botox, ma quando le rughe sono più marcate è necessario intervenire chirurgicamente per correggerle. Nella maggior parte dei casi si usa una tecnica che prevede cicatrici minime praticando svariate piccole incisioni nella pelle della fronte e delle tempie coperta dai capelli. Spesso al lifting della fronte viene abbinata la correzione delle palpebre superiori, procedura che consente un accesso ottimale ai piccoli muscoli fra le sopracciglia, responsabili della formazione dei solchi glabellari. Per effettuare la correzione, questi muscoli vengono in parte rimossi e quindi indeboliti. L’effetto è paragonabile a una disattivazione muscolare mediante il Botox, solo che questa è permanente. Nel corso del lifting frontale la pelle della fronte e delle tempie viene sollevata insieme al tessuto muscolare sottostante e fissata in una posizione più alta. In caso di rughe estese viene praticato il cosiddetto lifting frontale aperto con un’incisione ad arco che va da un orecchio all’altro.


Durata dell’intervento

2 ore.


Anestesia

Anestesia locale con sedazione (sonno crepuscolare) o anestesia generale.


Degenza

Ambulatoriale / in day hospital o ricovero per 1 notte.


Decorso

I drenaggi vengono rimossi dopo un giorno; il giorno della dimissione viene tolto il bendaggio e i capelli vengono lavati. Provvisoriamente può manifestarsi una diminuzione della sensibilità al tatto nella zona della fronte compresa fra le sopracciglia.


Rischi

Emorragie secondarie, infezioni o iperestensione del ramo nervoso preposto alla muscolatura frontale, con conseguente minor capacità di corrugare la fronte. Questo fenomeno si manifesta di rado (1%) ed è perlopiù reversibile.


Periodo di riposo

Lavoro: 7-10 giorni. Attività fisica impegnativa/sport: 4 settimane. Evitare l’esposizione prolungata ai raggi solari o al freddo per 6-8 settimane. Risultato finale visibile dopo 6 mesi.


Risultato

Il lifting è un intervento estetico a carattere ricostruttivo che ristabilisce una condizione esistente circa 10 anni prima. L’orologio viene così portato indietro di 10 anni, dopodiché il processo di invecchiamento continua comunque. Di solito non è un problema ripetere l’operazione al più presto dopo 10 anni.


Il medico
Dr. med. Andreas Tschopp
Dr. med. Andreas Tschopp
Formulario di contatto
Prof. Dr. Daniel F. Kalbermatten
Prof. Dr. Daniel F. Kalbermatten
Formulario di contatto

Altre offerte

Lifting facciale

Con l’andar degli anni, la lassità della pelle del viso diventa visibile per via della formazione di rughe nei punti tipici.

Correzione delle rughe con acido ialuronico

Nella distensione delle rughe con l’acido ialuronico quest’ultimo viene iniettato come sostanza riempitiva in piccole quantità sotto la pelle con un ago sottile.

Correzione della palpebra superiore

La blefaroplastica superiore rientra fra gli interventi più frequenti e più “gratificanti” della chirurgia plastico-estetica.

Correzione della palpebra inferiore

Nel corso della visita preliminare si chiarisce se l’elemento di disturbo nella palpebra inferiore è causato da tessuto adiposo sporgente, da un rilassamento cutaneo o muscolare o da una combinazione di queste alterazioni.