Liposuzione

Principio dell’intervento

In determinati punti del corpo si depositano pannicoli adiposi la cui causa è genetica e che difficilmente è possibile eliminare con la dieta e lo sport. Le aree tipiche sono situate sull’esterno e interno cosce, sull’addome e sui fianchi («maniglie dell’amore»). Con la liposuzione le cellule lipidiche del tessuto adiposo profondo vengono rimosse con effetto duraturo. In questo modo si rimodella il corpo e si corregge il profilo, ma non si riduce il peso. Il presupposto della liposuzione è una buona elasticità cutanea.

Nel corso dell’intervento l’accesso al pannicolo adiposo avviene tramite incisioni di 3 mm in prossimità dell’area problematica. Si pratica un’infiltrazione con una soluzione di anestetico locale e adrenalina nel tessuto adiposo (tecnica “tumescente”). Questo permette una liposuzione indolore e riduce le emorragie e l’insorgere di ecchimosi postoperatorie. L’aspirazione dei volumi adiposi è resa possibile da microcannule (del diametro di 3-4 mm). Servendosi di un apparecchio fornito di cannule con punte oscillanti (cosiddetta liposuzione assistita) è possibile penetrare in modo più efficace nel tessuto adiposo, che può essere così rimodellato in modo più preciso. Oltre alle aree già menzionate è possibile ricorrere alla liposuzione per la correzione delle seguenti zone problematiche: ginocchio, polpaccio, doppio mento, collo, nuca, ginecomastia maschile, braccia e altro ancora.


Durata dell’intervento

1-3 ore (a seconda dell’estensione e del volume).
Anestesia: Anestesia locale con sedazione (“sonno crepuscolare”), anestesia regionale (spinale/peridurale) o anestesia generale (in base all’estensione e alla richiesta del paziente).


Degenza

Perlopiù in day hospital (sala operatoria e di risveglio, dimissioni il giorno stesso dell’intervento); ricovero in caso di liposuzione estesa.


Decorso

Grazie all’utilizzo nella soluzione tumescente di un anestetico locale di efficacia protratta, la sensibilità al dolore si ripresenta solo dopo 12-24 ore. Si tratta di dolori lievi (simili a indolenzimento muscolare o a bruciore) che è possibile alleviare con comuni analgesici. La guaina compressiva è da portare costantemente per una settimana. Al primo controllo postoperatorio si constatano ancora gonfiori ed ecchimosi, la correzione del profilo è però già visibile. Gli indumenti compressivi devono essere portati giorno e notte per 4 settimane; di norma gonfiore ed ecchimosi regrediscono entro tale periodo. Il risultato definitivo si raggiunge solo 6-12 settimane dopo l’intervento, poiché in seguito alla cicatrizzazione nel pannicolo adiposo la forma e il tessuto possono ancora consolidarsi entro questo periodo.


Rischi

La cellulite (pelle a buccia d‘arancia) non è correggibile. Asimmetria, onde e solchi: nel 5-10% dei casi sono necessarie correzioni successive. Rare le emorragie, il sieroma (accumulo di liquido tissutale che deve essere drenato), i problemi cicatriziali, i problemi di circolazione dovuti a sovraccarico di liquidi e le infezioni.


Periodo di riposo

Lavoro: 1-2 settimane (ufficio). Attività fisicamente impegnativa: 2-3 settimane. Risultato finale: dopo 6-12 mesi.


Risultato

Permanente. In caso di eventuale aumento di peso successivo il volume si distribuisce in modo uniforme in tutto il corpo e non si accumula solo nelle aree precedentemente problematiche.


prima / dopo


Il medico
Dr. med. Andreas Tschopp
Dr. med. Andreas Tschopp
Formulario di contatto
Dr. med. Hyunju Kim Haemmig
Dr. med. Hyunju Kim Haemmig
Formulario di contatto
Prof. Dr. Daniel F. Kalbermatten
Prof. Dr. Daniel F. Kalbermatten
Formulario di contatto

Altre offerte

Correzione delle rughe

Le cause delle rughe facciali risiedono nel naturale processo di invecchiamento cutaneo, negli influssi esterni, come pure in specifiche abitudini di vita.

Rimodellamento delle cosce

Rimodellamento delle cosce

Otoplastica

Le orecchie a sventola sono la malformazione congenita più frequente delle orecchie. Spesso causa agli interessati grossa sofferenza psichica.

Correzione della palpebra inferiore

Nel corso della visita preliminare si chiarisce se l’elemento di disturbo nella palpebra inferiore è causato da tessuto adiposo sporgente, da un rilassamento cutaneo o muscolare o da una combinazione di queste alterazioni.