Correzione della palpebra inferiore (Blefaroplastica inferiore)

Principio dell’intervento

Nel corso della visita preliminare si chiarisce se l’elemento di disturbo nella palpebra inferiore è causato da tessuto adiposo sporgente (sacco lacrimale), da un rilassamento cutaneo o muscolare o da una combinazione di queste alterazioni. In base a questa analisi si elabora il programma chirurgico per la correzione della palpebra inferiore: in presenza di solo rilassamento cutaneo, la pelle della palpebra inferiore viene staccata tramite una leggera incisione sotto le ciglia che viene prolungata lateralmente fino a una ruga di espressione. È inoltre importante valutare precedentemente l’elasticità della palpebra inferiore, poiché potrebbe rendersi necessario un ulteriore sollevamento del suo margine per evitare che dopo l’intervento ci sia una palpebra cadente. Nel caso in cui sia presente un sacco lacrimale, questo viene perlopiù aperto e il tessuto adiposo sporgente viene distribuito in una depressione (“grondaia lacrimale”) fino alla guancia. Così nel passaggio dalla palpebra inferiore alla guancia è possibile riempire le occhiaie e correggerle in modo duraturo.


Durata dell’intervento

1.5 - 2.5 ore, in casi complessi fino a 3 ore.


Anestesia

Anestesia locale con sedazione (sonno crepuscolare).


Degenza

Ambulatoriale.


Decorso

Fino al momento della rimozione dei fili, una settimana dopo l’intervento, sulle palpebre inferiori vengono applicati dei cerotti di sutura adesivi. La pelle delle palpebre inferiori è molto sottile, è perciò inevitabile una colorazione bluastra che perlopiù scompare dopo 2-3 settimane.


Rischi

Emorragie secondarie e infezioni sono rare, difficilmente si riscontrano problemi cicatriziali. Se la palpebra inferiore viene ancorata stabilmente al proprio margine e si procede alla rimozione di un’adeguata quantità di pelle, il rischio di palpebra cadente è minimo.


Periodo di riposo

Lavoro: 2 settimane (ufficio). Lettura: 2-3 giorni. Attività fisica impegnativa/sport: 4 settimane. Evitare l’esposizione prolungata ai raggi solari e al freddo per 6-8 settimane. Risultato finale dopo 6 mesi.


Risultato

Permanente. Il riorientamento del sacco lacrimale verso la guancia rimane stabile, ma con il progredire del processo di invecchiamento può verificarsi di nuovo un cedimento cutaneo, comunque non prima di 10 anni.


prima / dopo


Il medico
Dr. med. Andreas Tschopp
Dr. med. Andreas Tschopp
Formulario di contatto
Dr. med. Hyunju Kim Haemmig
Dr. med. Hyunju Kim Haemmig
Formulario di contatto
Prof. Dr. Daniel F. Kalbermatten
Prof. Dr. Daniel F. Kalbermatten
Formulario di contatto

Altre offerte

Correzione della palpebra superiore

La blefaroplastica superiore rientra fra gli interventi più frequenti e più “gratificanti” della chirurgia plastico-estetica.

Otoplastica

Le orecchie a sventola sono la malformazione congenita più frequente delle orecchie. Spesso causa agli interessati grossa sofferenza psichica.

Lifting della fronte e sollevamento delle sopracciglia

A seconda della predisposizione individuale e sempre più man mano che si invecchia, nella parte superiore del viso possono manifestarsi i seguenti fastidiosi cambiamenti

Lifting della fronte e sollevamento delle sopracciglia

A seconda della predisposizione individuale e sempre più man mano che si invecchia, nella parte superiore del viso possono manifestarsi i seguenti fastidiosi cambiamenti